Torino foro boario di magiche bufale

Torino foro boario di magiche bufale

Torino magiche bufale

Città creduta erroneamente magica ed esoterica, Torino come molti altri centri italiani, non è stata da meno nella vendita di magiche bufale, diventando nel corso di pochi decenni uno dei mercati bestiame più esclusivi e remunerativi.

Il segreto? Queste bufale degenerante sono incrociate con sottospecie di santoni, fattucchiere, cartomanti, guaritori, esorcisti, veggenti, diavoli, occultisti, framassoni, avvistatori di ufo, satanisti, esoteristi, settari, alchimisti, fantasmi, angeli del male, rabdomanti di tesori sacri e ciarlatani vari.

Insomma, Torino terra di genialità legate al mondo del sociale, di talenti artistici, grandi architetti e capitani d’industria, re, regine, filosofi e politicanti, non si è fatta mancare nulla, neppure luminari in zoologia genetica, che sono riusciti a inseminare e produrre nuovi ibridi, raccogliendo lauti profitti. Questo mercato ha coinvolto da qualche anno, personaggi furbetti che, attraverso forme commerciali variegate, si sono fatti un mercato parallelo fiorente e remunerativo.

Noi abbiamo individuato un bel po’ di questi fori boari, di vecchia e recente memoria.

Il vademecum che troverete qui sotto, da scaricare e stampare, è un indirizzario con tanto di cartello “pericolo bufale”, inserito sulle mappe dello stradario di Torino. Nel rispetto della vostra e nostra intelligenza, abbiamo indicato solo l’indirizzo evitando di descrivere i motivi per cui questi luoghi abbiano dato origine a bufale, ormai regolarmente commercializzate (spesso con il DNA brevettato).

In questa selezione cartografica relativa alla città di Torino, è bene ribadire che ci siamo limitati a segnalare solo i luoghi frequentati dai mandriani di bufale. Accanto ad ogni cartello segnaletico di pericolo, quel punto della città può annoverare anche parecchie altre bufale: questione di business!

Sappiamo che sono stati coinvolti nella visita di questi fori boari anche giovani e giovanissimi senza alcuna protezione, né controllo sulla veridicità delle affermazioni. All’ordine dei giorno le visite guidate scolastiche, infarcite di sproloqui raccontati da operatori che spesso confondono musei, chiese e siti archeologici per altro.

Stupisce invece il silenzio totale e assordante di alcuni Uffici, quali: Associazione Nazionale di Categoria delle Guide turistiche, Soprintendenze Storico-Artistiche-Archeologiche, Accademie di Belle Arti, Arcivescovadi, MIUR regionali, Assessorati alla Cultura, al Turismo, all’Istruzione, Politecnici, Associazioni in difesa dei Consumatori, Ordini Professionali ecc. Essi paiono (ma forse è solo un’impressione) assolutamente indifferenti alle adulterazioni e sofisticazioni dei nostri tesori artistici e monumentali, che coinvolgono anche noti personaggi che hanno reso grande la nostra terra d’origine. Insomma l’anti-storia e la sotto-cultura paiono essere diventate “Cultura” tout court!.

Perché tutto questo? Semplicemente perché amiamo la storia vera e gli artisti realmente vissuti ma soprattutto rispettiamo la mente (e il portafoglio) del prossimo, scolaresche in primis! Qualche cosa noi stiamo facendo, fin dal 1983, malgrado tutto.

Apri le mappe in formato PDF

Satira Tours Virtuali